5 parametri da monitorare della tua pagina Facebook aziendale

Tra i social network più utilizzati per le strategie di marketing vi è sicuramente Facebook: al giorno d’oggi, per chiunque abbia un’attività, è diventato fondamentale avere una pagina anche sul social di Zuckerberg. Nel creare la propria pagina Facebook è dunque importante tenere conto di diversi fattori che possono determinare il successo dell’attività e al tempo stesso minimizzare i costi legati all’advertising.

Facebook Ads: quali metriche analizzare?

Per poter utilizzare in modo strategico il proprio profilo è innanzitutto necessario procedere con un’accurata analisi della pagina Facebook. Tale analisi deve concentrarsi in particolare su cinque metriche:

  • Likes alla pagina
  • Reach organica e la reach a pagamento
  • Reactions
  • Interazione degli utenti
  • Best post per reactions

I vantaggi derivanti da un’analisi di questo tipo includono l’individuazione precisa di un target al quale rivolgersi, il raggiungimento di un gran numero di utenti finali, la generazione di interazioni significative, il miglioramento della brand awareness, ovvero della conoscenza e del posizionamento del marchio sul mercato, e per concludere la conversione.

Likes alla pagina

I likes alla pagina altro non sono che un indice di gradimento volto a misurare l’interesse degli utenti nei confronti del brand e dei suoi prodotti e servizi. È quindi indispensabile analizzare il numero di likes ricevuti per impostare in modo corretto la strategia: un grande numero di likes può aiutare a capire cosa ha funzionato, in che modo replicarlo e come mantenere alto l’interesse degli utenti nel tempo. Al contrario, un calo dei likes segnala la necessità di cambiare strategia ed è altrettanto utile per individuare con esattezza quali errori non commettere in futuro nell’impostazione della strategia.

Reach Organica e Reach a pagamento

Quando si parla di reach si fa riferimento al numero di utenti che sono stati raggiunti dai contenuti pubblicati sulla pagina. Nell’analizzarla è però indispensabile effettuare una distinzione tra reach organica e reach a pagamento

La reach organica è la copertura che si riesce ad ottenere attraverso la pubblicazione di contenuti non sponsorizzati, o meglio, il numero delle persone a cui è apparso il contenuto nel proprio Feed senza alcuna sponsorizzazione. 

La reach a pagamento, invece, equivale al numero di persone a cui sono stati mostrati post a pagamento, sponsorizzati, della pagina in questione.

Massimizzare la reach organica è essenziale per contenere i costi di pagina, ma talvolta può non essere sufficiente, specialmente nelle prime fasi di attività del brand e della pagina stessa.

Reactions

Oltre a prendere in esame la pagina nel suo complesso, un’altra metrica di cui bisogna tener conto è il numero di reactions. Le reactions si differenziano dai classici likes e commenti per il fatto che esprimono un ventaglio di emozioni più ampio, toccando anche sentimenti negativi. Il fatto che poi siano animate aggiunge sicuramente quel tocco in più. Inoltre, per quanto riguarda l’impatto sull’algoritmo di Facebook essi pesano di più rispetto al classico like. In questo modo influenzano maggiormente il feed della pagina.

In questo caso l’analisi delle reaction diventa importante per capire quale tipo di contenuto attrae il maggior numero di utenti. Non solo, grazie a questo esame è anche possibile individuare il contenuto che meglio si addice alla propria attività e al proprio brand: un esempio calzante è un marchio di abbigliamento, per il quale è più probabile che i post contenenti immagini e video abbiano maggiore successo rispetto ai post testuali.

Interazione: impression, reaction e condivisione

Un ulteriore KPI da considerare è l’interazione degli utenti con i post, fattore che può servire a delineare con chiarezza quali sono i giorni, ed eventualmente persino le fasce orarie, in cui gli utenti interagiscono maggiormente con i contenuti pubblicati in pagina. Se per esempio si nota una maggiore interazione degli utenti con i contenuti pubblicati in settimana nella fascia oraria mattutina o serale ecco che si avrà la certezza di raggiungere un gran numero di utenti pubblicando in determinati giorni ed orari.

Best post per reactions

L’ultima metrica di cui tenere conto è sostanzialmente un riassunto di tutte le precedenti e riguarda in particolare i best post, ovvero quei post che hanno avuto maggior successo dal punto di vista dei like, delle interazioni e delle condivisioni. 

Analizzare questi post è la miglior soluzione per impostare una strategia sicura: se il post che ha coinvolto maggiormente gli utenti è di tipo testuale, ad esempio, sarà possibile riproporre lo stesso argomento, magari arricchendolo di nuove informazioni o collegandolo ad altri best post contenenti materiale differente come immagini, video o link.

Monitorare i dati di Facebook non sempre è facile. Ti senti ancora insicuro sull’utilizzo di Facebook Analytics? Non riesci a monitorare adeguatamente i risultati delle campagne? Non ti preoccupare, abbiamo un servizio fatto apposta per te! Scopri qui il servizio di Facebook Analytics che fa per te.